La piattaforma consente di avere un aggiornamento in tempo reale sulla situazione delle biciclette e del loro utilizzo in città

Roma, 4 Novembre 2019 – A due settimane dal lancio di Jump by Uber a Roma, il servizio di bike sharing elettrico disponibile via app, l’azienda compie un altro passo avanti nella collaborazione con il Comune condividendo l’accesso alla piattaforma Uber Movement.

Grazie a Uber Movement, il Comune di Roma e Jump potranno collaborare utilizzando e sfruttando tutte le informazioni presenti, con il fine di migliorare sempre di più la qualità del servizio e individuare in tempo reale sia problematiche da risolvere sia nuove importanti opportunità di sviluppo e successo.

Grazie all’accesso alla piattaforma Movement da parte del Comune di Roma, sarà possibile avere in tempo reale: numero di viaggi realizzati, numero di primi viaggi, numero di utenti, chilometri totali percorsi. La piattaforma fornisce inoltre una mappa che indica la posizione di biciclette e il numero totale delle biciclette attive e in affitto. Questo permette di avere un maggior controllo e operare tempestivamente per garantire la piena funzionalità del servizio.

“Riteniamo che i dati presentati nella piattaforma aiutino le città a valutare il successo dei loro programmi di mobilità condivisa e tenere traccia delle prestazioni rispetto ai loro obiettivi”, afferma Fabio Stefanini, general manager di Jump Italia. “I dati possono anche aiutare le città a pianificare progetti infrastrutturali per biciclette e scooter, prendere in considerazione altri investimenti per contribuire a promuovere la sicurezza e garantire che i loro programmi di mobilità condivisa riscuotano un sempre maggior successo presso i cittadini”.

Uber si impegna a collaborare strettamente con le città e a supportare miglioramenti dei sistemi di trasporto locale in base all’analisi di dati. JUMP crede fermamente che i suoi dati, condivisi attraverso un accordo reciproco, possano aprire le porte a nuove indicazioni sull’utilizzo delle biciclette da parte dei cittadini.

Uber ha sempre dato la priorità alla condivisione di dati non personalizzati con le città per consentire la pianificazione urbanistica attuabile, garantendo però la sicurezza delle informazioni e l’anonimato dell’utente.

Per ulteriori informazioni relative a Uber Movement: www.movement.uber.com; Uber Movement video (https://www.youtube.com/watch?v=bszvEIMVsIc&feature=youtu.be)

A cura della Redazione Motori di VenetoEccellenze