TAGLIO DI PO – In occasione della 75° mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, il Cics (consorzio italiano cooperative dello spettacolo) con sede a Taglio di Po, ha presentato il progetto “Cics Cinem’arte”. L’incontro si è svolto nello spazio della Regione del Veneto, all’hotel Excelsior. Il Cics è uno strumento di promozione e diffusione delle cooperative nelle arti dello spettacolo che, grazie ad una buona sinergia tra gli artisti, i tecnici, le istituzioni, gli operatori del settore primario e dei servizi, si pone come punto di riferimento per circa 700 Soci provenienti in gran parte dalle province del Veneto. 

La mission delle cinque realtà cooperativistiche e del consorzio che le riunisce, fin dalla loro costituzione, è incoraggiare la cultura del lavoro nello spettacolo regolare, in sicurezza e di qualità. Un nutrito numero di soci appartenenti alle cooperative opera nel settore dell’audiovisivo, spaziando dalle piccole produzioni, per arrivare a quelle più importanti.  Sono intervenuti l’assessore regionale Cristiano Corazzari; il presidente del Cics Marco Callegarin; gli attori Matteo Tosi e Vasco Mirandola; i compositori Stefano Schiavon e Carlo Colombo; il videomaker Nicola Nicchetto; e il tecnico del suono Andrea Valfrè. Il presidente Callegarin ha spiegato che le peculiarità lavorative del Cics permettono una segmentazione del settore dell’audiovisivo, individuando alcune categorie di appartenenza.

Tra queste gli addetti alle riprese video anche con i droni; gli elettricisti per lo spettacolo; i tecnici del suono per il settore cinema; i musicisti compositori di colonne sonore; gli attori; gli ideatori e i produttori di cortometraggi per la danza; i segretari di produzione; i doppiatori; i registi e i videomaker. L’assessore Cristiano Corazzari, nel suo intervento ha detto che si sta costituendo la “Veneto Film Commission” e che sarà pronta in tutto il suo organico entro la fine dell’anno. Che si impegneranno a valorizzare le eccellenze del cinema Veneto, dando un occhio di riguardo al territorio in modo da attirare anche le produzioni da fuori Regione che si possano avvalere anche delle eccellenze in loco, dalle maestranze agli artisti. Ha concluso dicendo che la Regione sarà a fianco del Cics Cinem’arte e delle sue iniziative.

L’attore Tosi ha parlato dei suo progetti cinematografici e del premio “Cinema Veneto Leone di Vetro” che ogni anno viene consegnato all’Avanspettacolo Venezia Theatre. Vasco Mirandola ha parlato di un progetto di formazioni per attori cinematografici e Nicola Nichetto del film making; Schiavon e Colombo delle musiche e Andrea Valfrà dell’importanza del suono nel cinema.

Barbara Braghin