Grande successo per il Salone Nautico di Venezia che si è chiuso all’Arsenale con un totale di 27 mila presenze in cinque giorni . “L’ arte navale torna a casa”, questo il claim, ovvero lo slogan riassuntivo della manifestazione nautica lagunare che, considerati i numeri registrati, entra a pieno titolo nella cerchia delle manifestazioni dedicate alla nautica da diporto da visitare.

43 i convegni in cui si è discusso di tutto ciò che riguarda il mondo della navigazione, dalla blue economy alla sostenibilità, dall’ambiente allo yacht design. E dopo gli incontri, le mostre, 8 in totale, dedicate ai temi della nautica, del mare e del trasporto.

«Venezia è tornata regina dei mari nel senso culturale più aperto possibile- ha detto il sindaco di venezia Luigi Brugnaro- abbiamo mostrato le nostre capacità nel design e nell’architettura della costruzione, recuperando anche le attività tradizionali. In questi giorni Venezia ha risposato il mare..

L’amministrazione comunale ha già finanziato il Salone per altri due anni.  Vogliamo avere tutta la filiera, dalle barche piccole a quelle grandi. E nelle prossime edizioni non sarà coinvolto solo l’Arsenale ma sarà tutta la città a mettersi in moto, come ha già iniziato a fare».

Giuliana Lucca