Proroga spesometro ed esterometro al 30 aprile: l’annuncio del sottosegretario del Ministero dell’Economia e delle Finanze Bitonci. Soddisfazione dell’Istituto Nazionale Tributaristi in attesa di una semplificazione concreta.

Proroga spesometro ed esterometro al 30 aprile 2019: l’annuncio del sottosegretario del Ministero dell’Economia e delle Finanze Massimo Bitonci. La Rete di veneto Eccellenze ha ottenuto un primo seppur piccolo risultato.  Nel comunicato stampa del 13 febbraio 2019 l’Istituto Nazionale Tributaristi esprime soddisfazione per lo spostamento della scadenza, ma ribadisce la necessità di una semplificazione concreta.

Attesissima, la notizia della proroga dello spesometro e dell’esterometro è arrivata. A diffonderla l’onorevole Massimo Bitonci in chiusura del tavolo tecnico, che si è riunito ieri, 13 febbraio 2019, proprio per affrontare le criticità che derivano dall’accavallarsi delle scadenze fiscali. Ora si attende il DPCM con la comunicazione ufficiale.

Il 28 febbraio 2019 è stato, nelle ultime settimane, nell’occhio del mirino di professionisti e imprese. Per l’ultimo giorno di febbraio era stata fissata la scadenza delle comunicazioni delle liquidazioni IVA trimestrali, Lipe, dello spesometro e dell’esterometro, al suo debutto.

L’invio dei dati relativi alle fatture da e verso l’estero è una novità introdotta con l’obbligo della fatturazione elettronica, un nuovo adempimento con cui prendere le misure, ma su cui la stessa Agenzia delle Entrate non si è mostrata ancora pronta: a due settimane dal termine il software per la comunicazione non è ancora pronto.

Proroga spesometro ed esterometro al 30 aprile, ma l’INT chiede una semplificazione concreta

Resta la scadenza del 28 febbraio per le Lipe. Ma dopo la notizia della proroga, gli addetti ai lavori possono tirare un sospiro di sollievo e avere quel pizzico di calma in più, che avevano tanto invocato nelle settimane precedenti.

L’Istituto Nazionale Tributaristi si dice soddisfatto, ma in linea con quanto già richiesto in precedenza, resta in attesa di un intervento concreto di semplificazione, come si legge nel comunicato stampa diffuso il 13 febbraio 2019.

Di seguito il testo con le parole del presidente Riccardo Alemanno:

Bene proroga spesometro ed esterometro al 30 aprile. Ora però occorre una semplificazione concreta.

“Bene proroga spesometro ed esterometro al 30 aprile, come annunciato dal Sottosegretario al MEF Massimo Bitonci”. Così il Presidente dell’Istituto Nazionale Tributaristi (INT), Riccardo Alemanno, che aggiunge: “Il Sottosegretario Bitonci, che ringrazio, ha dimostrato di avere ben compreso il nostro disagio e quello dei contribuenti rispetto all’accavallarsi di scadenze ed alle problematiche connesse alla fatturazione elettronica. Ora però che venga emanato in tempi rapidi un DPCM e poi si dovrà affrontare la semplificazione concretamente, poiché non è possibile che la digitalizzazione anziché favorire gli adempimenti fiscali crei ancora più disagi. Bisognerà evitare doppioni di invio dati ed ottimizzare già quelli in possesso dell’Amministrazione finanziaria, penso alla Lipe ed ai modelli intra, per fare alcuni esempi. Le problematiche sono molteplici e noi come Istituto Nazionale Tributaristi siamo, come sempre, pronti a fare la nostra parte ed a mettere a disposizione le nostre competenze. Confido che al MEF, così come in questa occasione, comprendano che ormai non si possono più sovrapporre adempimenti ad adempimenti, ma che occorre liberare il più possibile imprese e professionisti dalla burocrazia”.

Proroga spesometro ed esterometro al 30 aprile: resta al 28 febbraio la scadenza delle Lipe

Tra adempimenti di routine, Lipe, uscite di scena con l’ultima scadenza dello spesometro, e novità con l’entrata in campo dell’esterometro, il 28 febbraio si è delineata come una data nera nel calendario fiscale 2019.

Sospiro di sollievo per i due adempimenti che slittano al 30 aprile, ma resta l’obbligo di comunicare i dati delle liquidazioni Iva entro il 28 febbraio 2019, come da prassi è il termine per l’invio delle Lipe del quarto trimestre del 2018.

Di seguito tutte le scadenze delle Lipe per il 2019.

Periodo di riferimento Versamento IVA Invio telematico Lipe
Gennaio 18 febbraio 2019 31 maggio 2019 (liquidazioni)
Febbraio 18 marzo 2019 31 maggio 2019 (liquidazioni)
Marzo 16 aprile 2019 31 maggio 2019 (liquidazioni)
I trimestre 16 maggio 2019 31 maggio 2019 (liquidazioni)
Aprile 16 maggio 2019 16 settembre 2019 (liquidazioni)
Maggio 17 giugno 2019 16 settembre 2019 (liquidazioni)
Giugno 16 luglio 2019 16 settembre 2019 (liquidazioni)
II trimestre 20 agosto 2019 16 settembre 2019 (liquidazioni)
Luglio 20 agosto 2019 2 dicembre 2019 (liquidazioni)
Agosto 16 settembre 2019 2 dicembre 2019 (liquidazioni)
Settembre 16 ottobre 2019 2 dicembre 2019 (liquidazioni)
III trimestre 18 novembre 2019 2 dicembre 2019 (liquidazioni)
Ottobre 18 novembre 2019 28 febbraio 2020 (liquidazioni)
Novembre 16 dicembre 2019 28 febbraio 2020 (liquidazioni)
Dicembre 16 gennaio 2020 28 febbraio 2020 (liquidazioni)
IV trimestre 16 marzo 2020 28 febbraio 2020 (liquidazioni)

 

Ed è proprio sulla routine che gli addetti ai lavori continuano a chiedere un intervento da parte delle istituzioni. Imprenditori e professionisti chiedono una maggiore tranquillità per non trovarsi anche in futuro in un ciclone di adempimenti e scadenze da rispettare.

I passi avanti verso la digitalizzazione devono essere passi verso la semplificazione, e devono alleggerire.

Pubblico LIPED. p.r. 633/1972 o Decreto IVA

Il Direttore Generale Rete di Veneto Eccellenze