E’ un veneto che cresce quello uscito recentemente dalla fotografia della banca d’Italia. Nel  2018 è andata avanti la crescita dei livelli di attività in tutti i comparti produttivi, ma a fronte di questo emergono anche  segnali di rallentamento. Il Veneto è in linea con la congiuntura di rallentamento dei tassi di crescita registrata in tutta Italia.

La nostra regione, però, dal 2013 ha registrato una crescita  superiore alla media nazionale e pari al +6,7%. Nel primo semestre 2018, la produzione dell’industria manifatturiera ha continuato a crescere  anche se a un ritmo inferiore a quello del 2017, complice il rallentamento  delle esportazioni .. l’edilizia resta ancora il settore forte, grazie soprattutto alle ristrutturazioni delle abitazioni anche se ci sono segnali di ripresa dalle nuove abitazioni e una crescita delle compravendite residenziali . E’ il non residenziale a restare ancora settore critico , a fronte di una debolezza di domanda pubblica Le imprese hanno migliorato la loro posizione di liquidità finanziaria ed è anche aumentato il numero di occupati soprattutto dipendenti con contratti a termine Si stabilizza, invece, il numero degli autonomi, in calo dal 2015.

La crescita dell’offerta di lavoro si registra grazie ad un saldo positivo delle assunzioni nette nei primi sei mesi e alla  diminuzione del ricorso alla cassa integrazione e delle crisi azienda

Giuliana Lucca