CHIOGGIA – Anche il consorzio di tutela del Radicchio di Chioggia Igp ha partecipato alla “Settimana della cucina italiana nel mondo” che si è svolta a Helsinki. Tra i delegati del consorzio erano presenti il presidente, Giuseppe Boscolo Palo; Umberto Tiozzo Ambrosi, dell’ufficio comunicazione; il direttore dell’ortomercato di Chioggia, Pietro Cigna; lo chef docente cfp dell’alberghiero di Chioggia e contitolare del ristorante Zafferano di Porto Viro; e Tiziana Piva, docente delegata a rappresentare l’alberghiero.

Il Radicchio di Chioggia Igp punta sui ricchi mercati del Nord Europa. In occasione della “Settimana della cucina italiana nel mondo”, il consorzio di tutela è volato a Helsinki per presentare il “Principe Rosso” in due eventi enogastronomici nella capitale finlandese. Il primo si è svolto nella residenza dell’ambasciata italiana a Helsinki con una serata di gala all’insegna del Veneto. Hanno partecipato i consorzi del Prosecco Doc; del Formaggio Asiago Dop; del Riso del Delta del Po Igp; dell’ortomercato di Chioggia. Il buffet è stato curato dallo chef Adriano Bersani e il protagonista del menù è stato il Radicchio di Chioggia Igp declinato in diverse abbinamenti ed elaborazioni gastronomiche. Queste le aziende che hanno fornito i prodotti del menù: cappellacci Radicchio di Chioggia Igp e formaggio cucolo trentino (Pastificio Artusi); ravioli tricolore (Pastificio Artusi) con radicchio e fonduta di Parmigiano; tagliolini freschi all’uovo (Pastificio Artusi) con radicchio e burro fuso; risotto al Radicchio Igp con formaggio Asiago (consorzio); cannoli di salmone affumicato (Ambasciata) e radicchio con crumble di pane; salmone fresco (Ambasciata) con formaggio cucolo e Radicchio IGP all’aceto di mele; torta al Radicchio Igp (Pasticceria Veneta) con la crema pasticcera al Prosecco.

Prosecco (Consorzio); Valpolicella Superiore Ripasso (Ambasciata). Poi birre al radicchio: la Rossa di Chioggia (Birrificio San Gabriel), Rosita (Birrificio di Chioggia); Bossolà con Radicchio di Chioggia Igp (panificio Vianello Chioggia); Grappe Venete (Distilleria Fratelli Brunello).Hanno partecipato circa 80 ospiti, tra autorità locali, giornalisti e blogger, operatori commerciali ed esponenti della società civile organizzata, Inoltre gli ambasciatori dell’Italia, Gabriele Altana e la moglie Alessandra Magalotti che hanno fatto da padroni di casa; poi l’ambasciatore del Basile; dell’Algeria; della Polonia; della Svizzera; del Belgio.

Il secondo giorno è stato organizzato un pomeriggio di degustazioni “after work” al ristorante italiano Vaelsa. Tra i partners dell’evento la società di gestione dell’ortomercato del Veneto di Chioggia; il Cfp alberghiero di Chioggia con lo chef Adriano Bersani e una docente; il consorzio di tutela Prosecco Dop con il Prosecco Dop e il Glacerie; il consorzio del formaggio Asiago Dop con l’Asiago 1 mese e Asiago 12 mei; il consorzio del Riso del Delta del po Igp con il Riso Carnaroli. Inoltre le imprese Op Cultiva che ha fornito le buste con il Radicchio Igp (Marchio Valfrutta); l’insalata dell’orto che ha fornite le buste del Radicchio di Chioggia Igp (Marchio Despar); il pastificio Artusi che ha fornito i cappellacci con Radicchio di Chioggia Igp e il formaggio Crucolo Trentino, la pasta tricolore, e i tagliolini all’uovo. E ancora la società agricola Taflo che ha messo a disposizione il Radicchio di Chioggia Igp essiccato per risotti, dolci e tisane. Inoltre il Birrificio Veneto San Gabriele che ha fornito la birra al Radicchio dal gusto “La Rossa di Chioggia”; il birrificio di Chioggia con la birr al radicchio “Rosita”. A seguire la pasticceria Veneta con la torta con Radicchio di Chioggia Igp, carote e mandorle; il panificio Vianello con i bossolà (pane tipico di Chioggia) e i grissini con Radicchio di Chioggia Ogp. La distilleria Fratelli Brunello con le Grappe Venete  e l’azienda agricola Michielon Roberto con l’olio extravergine d’oliva del Veneto “Il Pian”. La partecipazione alla “Settimana della cucina italiana nel mondo”, terza edizione, è stata promossa da Mipaaft, Maeci e Miur. Ha proposto una serie di iniziative di presentazione dei prodotti alimentari di eccellenza rappresentativi dell’Italia e del gusto italiano a milioni di consumatori nel mondo, alle ambasciate, ai consolati e negli istituti italiani di cultura. Gli obiettivi sono stati la creazione di incontri tra aziende produttrici e potenziali clienti; la promozione dell’internazionalizzazione del prodotto, grazie alla partecipazione agli eventi di operatori di settore e della comunicazione; l’incentivazione dello spirito di squadra fra consorzi e aziende che nell’ambito delle attività previste si trovano a collaborare; e richiamare flusso turistico sul territorio collegato al prodotto Igp e Dop.

Barbara Braghin