E’ aperta a Padova la Fiera Campionaria che festeggia quest’anno la centesima edizione: tutti i giorni fino al 9 giugno, dalle ore 16.30 a mezzanotte nei giorni feriali e dalle 10 a mezzanotte nei week-end, la nuova Fiera di Padova tornata italiana nelle mani di Comune, Provincia e Camera di Commercio di Padova, propone la manifestazione a ingresso gratuito in un’area di 100.000 mq, con 1.000 espositori internazionali, 1.000 artisti, 100 ore di spettacoli, 10 padiglioni e una rievocazione storica delle origini quando il 10 giugno del 1919 si apriva nella Città del Santo la Fiera di Campioni, prima Campionaria in Italia che segnava la voglia di rilanciare l’economia distrutta dalla guerra.

La Campionaria del Centenario che si prepara ad accogliere decine di migliaia di visitatori è stata presentata non a caso nella Loggia Amulea che si affaccia su Prato della Valle che la ospitò un secolo fa. Tutte le autorità cittadine, il Sindaco Sergio Giordani, il presidente della Provincia di Padova Fabio Bui e il vice presidente della Camera di Commercio Franco Pasqualetti hanno sottolineato quanto l’importanza dell’occasione per riprendere un dialogo comune coinvolgendo tutte le associazioni del territorio che saranno presenti in questa Fiera.

L’impegno economico è stato consistente anche nell’investimento promozionale e le aziende più rappresentative dei vari settori espositivi hanno aderito all’iniziativa perchè credono fermamente nel rilancio.

Franco Conzato, a nome di Fiera di Padova Immobiliare Spa, ha ribadito il sostegno della gestione Geo Spa agli enti pubblici auspicando la capacità di fare sempre più squadra perchè solo uniti si vince. Andrea Olivi, presidente di Geo Spa ha ricordato che una kermesse come questa può attrarre 20 milioni che decuplicano nell’indotto. Francesca Gambarotto, presidente del Parco Scientifico Galileo, ha parlato delle innovazioni che si potranno trovare in Fiera grazie alla nuova sinergia, dalle start-up all’incubatore universitario.

Il direttore commerciale della fiera Gianfilippo Panazzolo ha i punti cardine dell’expo padovana: il grande Salone dell’auto, con il presente dei concessionari e il passato del primo veicolo a benzina di Enrico Bernardi progettato proprio a Padova e il futuro dell’auto rappresentato da veicoli elettrici e ibridi di ultima generazione; Arredamento ed Edilizia con aziende italiane specializzate nelle ristrutturazioni e nelle soluzioni per interni, esterni e giardini e con le Botteghe storiche di Padova; Villaggio dei bambini in collaborazione con la Regione Veneto e le associazioni che realizzano una Fattoria didattica; Food e Turismo con prodotti enogastronomici territoriali, da tutta Italia, da Argentina, Spagna, Cuba, Messico e proposte turistiche del Belpaese e internazionali; Shopping e Bellezza con tanti articoli per la bellezza e la salute del corpo e idee regalo dell’artigianato italiano e del mondo; un padiglione dedicato allo Sport che propone attività interne ed esterne sul palco; Giochi, Fumetto, Videogiochi con la partecipazione di fumetterie, con giochi da tavolo, videogames e con i Cosplayer travestiti da personaggi di fumetti, film, serie tv e cartoni animati e le idee dell’Inventor Show.

Saranno tanti come sempre gli eventi di spettacolo coordinati dal direttore artistico Mauro Tonello al Padiglione 11 con 500 posti a sedere e nei palchi all’esterno, tra cui quello grande nel viale centrale. La mostra ripercorrerà, come anticipato, la storia della città dai primi anni del Novecento a oggi con dei pannelli che faranno rivivere le atmosfere della belle époque, gli anni difficili dei conflitti bellici, quelli travolgenti del boom economico fino ad arrivare alla rivoluzione tecnologica e alle nuove sfide che caratterizzano il mondo contemporaneo.

Presente in Fiera al padiglione 1 nello stand istituzionale anche la nostra testata Veneto Eccellenze nata da un’idea di Casartigiani Padova come servizi gestionali evolutivi per le imprese del gruppo, in comunicazione 4.0, capace di creare un nuovo rapporto tra associati e agenzia per una comunicazione just in time assicurando l’ascolto del mercato per le azioni di marketing, fornendo la garanzia per un risultato sicuro essendo uno degli ingranaggi di una rete di artigiani o piccole – medie imprese. Sono due i progetti di artigianato di qualità del nostro territorio per il settore food: al padiglione 4 con più aziende alimentari allo stand 148 e vicino lo stand tradizionale del consorzio dei panificatori. A garantire infine un’ampia e variegata offerta enogastronomica saranno in funzione sia il ristorante Marcopolo anche per l’aperitivo e una ventina di ristoranti outdoor e indoor; sono ammessi cani di piccola taglia tenuti a guinzaglio e, su richiesta, con museruola.

Paolo Braghetto