ROVIGO – Le prove finali della terza edizione di “Adriatic lng il La ai giovani musicisti veneti” si sono svolte al salone dei concerti di palazzo Venezze del conservatorio statale di musica “Francesco Venezze” di Rovigo. Si tratta di un premio organizzato dal conservatorio e dalla società che gestisce il terminale di rigassificazione Adriatic lng ed è patrocinato dal Comune di Rovigo. E’ nato per valorizzare i giovani talenti ha coinvolto  oltre quaranta musicisti selezionati tra i migliori studenti dei sette conservatori del Veneto, con un repertorio che ha spaziato dal barocco al nostro secolo, estendendosi anche al patrimonio millenario della musica indiana. La cerimonia di premiazione si terrà il 19 dicembre alle 18 nella splendida cornice del teatro Sociale di Rovigo, importante istituzione locale che nella stagione 2018/2019 festeggerà 200 anni dalla sua fondazione.

In questa occasione gli studenti si sono esibiti, divisi in tre categorie concorsuali: dieci sono state le formazioni che hanno partecipato nella categoria “Duo strumentale o duo voce-strumento”; sei compositori e quattordici esecutori, tra solisti e gruppi, hanno invece partecipato nelle categorie “Nuove composizioni – composizione” e “Nuove composizioni – interpretazione solistica e d’insieme”.

Le prove si sono svolte davanti alla qualificata commissione giudicatrice formata da Anna Maria Storace, direttore dell’istituto superiore di studi musicali di Ravenna, nel ruolo di presidente di giuria; e da Mauro Cardi, docente di composizione al conservatorio de L’Aquila; Tiziano Mealli, docente di musica da camera al conservatorio di Firenze; e Patrizia Vaccari, docente di canto rinascimentale e barocco al conservatorio di Firenze. Per la categoria “Duo strumentale o duo voce-strumento”, la commissione non ha assegnato il primo premio in quanto nessun concorrente ha raggiunto il punteggio minimo per esso stabilito. Ha invece assegnato due secondi premi rispettivamente al Duo Cinzia Prampolini (soprano) e Antonio De Luigi (tiorba e chitarra spagnola) del conservatorio di Verona; e al duo Silvia Vittoria Zocca (violino) e Francesco Orecchio (pianoforte), sempre del conservatorio di Verona. Il terzo premio è stato assegnato al Duo Chiara De Grandis (flauto) e Gian Marco Passarini (oboe), anche loro del conservatorio di Verona.

Per la categoria “Nuove composizioni – composizione” vincitore del primo premio è stato Ardavan  Vossoughi del conservatorio di Padova, mentre il secondo e il terzo premio sono andati rispettivamente a Giovanni Zaniol e a Marco Bussi entrambi del conservatorio di Rovigo. Per la categoria “Nuove composizioni – interpretazione solistica e d’insieme” sono risultati vincitori dei premi dedicati ai solisti la pianista Beatrice Barison (primo premio) del conservatorio di Padova e la flautista Alessia Babetto (secondo premio) sempre del conservatorio di Padova. Per la sezione “ensemble” primo premio al duo Siegfried Pegoraro (chitarra) e Marco Bussi (live electronics) del conservatorio di Rovigo e secondo premio al trio Stefano Canton (clarinetto), Alessia Bruno (violoncello) e Francesca Pronto (arpa), sempre del conservatorio rodigino. Infine la commissione ha assegnato due premi speciali per la migliore interpretazione di una composizione di autore veneto o scritta in veneto, viste le meritevoli esecuzioni di brani stilisticamente diversi rispettivamente legati al mondo barocco e presentati dal Duo Cinzia Prampolini e Antonio De Luigi (soprano e tiorba e chitarra spagnola) del conservatorio di Verona e dal Duo Roberta Guidi canto e Chiara Comparin pianoforte del conservatorio di Vicenza.

“Ci congratuliamo con i vincitori, ai quali auguriamo un futuro ricco di soddisfazioni” commenta Alfredo Balena, delle relazioni esterne di Adriatic lng. “Ringraziamo il conservatorio Venezze di Rovigo, con il quale nel 2016 abbiamo dato vita a questo prezioso progetto, capace di offrire opportunità di crescita professionale ai nostri giovani talenti e valorizzare al tempo stesso il patrimonio culturale veneto”.

“Siamo molto soddisfatti per la creatività delle composizioni e per l’alto livello dell’esecuzione di questa edizione” ha dichiarato Giuseppe Fagnocchi, direttore del conservatorio Venezze. “Desidero congratularmi con la giuria per il lavoro svolto con passione  e ringraziare Adriatic lng per la collaborazione e il sostegno economico a un progetto che può giocare un ruolo importante nel futuro dei nostri ragazzi”.

Barbara Braghin